LE REGOLE DEL BUON DORMIRE

Trascorriamo a letto, dormendo, un terzo della vita ma per garantire un buon sonno e mantenere perfetto il materasso bastano davvero pochi piccoli accorgimenti.


Generalmente 10 anni è la durata massima di un materasso, sia per ragioni igieniche, sia perché con il passare del tempo può perdere elasticità e capacità di adattarsi al corpo. Dalle ricerche di ergonomia applicata emerge un dato basilare: il materasso deve sapersi sempre adattare alle forme del corpo. Una superficie troppo dura impedisce la buona distribuzione della pressione delle varie parti anatomiche.

5 semplici consigli

1. Otto ore di sonno per notte sono uno standard ma studi dimostrano che possono variare. Alcune persone necessitano geneticamente di sei ore, altre sono programmate per nove ore. Il sonno più efficace riposante avviene, comunque, quando dormiamo per un periodo relativamente continuo.
2. I buoni “dormitori” non vanno a letto troppo presto o troppo tardi. Stabiliscono un’ora per coricarsi che è giusta per loro, regolandola sul proprio orologio biologico e sulle proprie attività
3. Evitare attività fisica estenuante e cene abbondanti o spuntini prima di coricarsi per non danneggiare il sonno. Se dovete mangiare, provate uno spuntino con carboidrati leggeri.
4. Usare la camera da letto per dormire. Non guardare la televisione a letto, non lavorare al computer, spegnere la luce quando è il momento di smettere di leggere vi consentirà un buon sonno.
5. Tenere pulita la camera, assicurarsi che la temperatura sia confortevole. Aerare la stanza ogni giorno, se possibile lasciando scoperto il materasso o comunque non rifacendo il letto immediatamente per evitare ristagni di umidità.