5 SPUNTI PER UN BRUNCH DOMENICALE A REGOLA D’ARTE

Con l’arrivo dell’estate e l’inizio delle ferie riscopriamo il piacere di coccolarci, di dedicare un po’ di tempo in più al riposo e alla colazione. Un’ottima soluzione per rendere gustoso il risveglio, ricaricarsi di energie e ottimizzare i tempi per i pasti è il brunch. Tradizionalmente importato dagli Stati Uniti, il brunch è la commistione di breakfast (colazione) e lunch (pranzo). Un perfetto brunch in casa può essere servito tra le 10.00 e le 12.00, ma in Italia anche entro le 13.30 sarà più che gradito. Eccovi ora 5 regole per servire un brunch domenicale a regola d’arte!

Informalità. Per il brunch è sconsigliato stare seduti a tavola, e non esiste un’etichetta per l’abbigliamento. Il bruch perfetto è in forma di buffet, dal quale gli ospiti o la famiglia attingeranno liberamente le prelibatezze del giorno, per poi andare a sedersi alle postazioni più svariate, dalla sedia al divano. Sono benvenuti anche i brunch in pigiama e in tuta!

Varietà. Il menù di un brunch non è né esclusivamente dolce, né salato. Dite addio a cappuccino e cornetto: durante il brunch assisterete agli accostamenti più bizzarri. Vedrete uova accompagnate al caffè e seguite da muffins ai mirtilli, pancakes ricoperti di burro e sciroppo d’acero mischiarsi a crepes salate e tramezzini… insomma, durante il brunch tutto è permesso!

Finger Food. Il finger food, tanto di moda negli ultimi anni, è un’ottima soluzione per il vostro brunch: le piccole porzioni permetteranno agli ospiti di assaggiare un po’ di tutto senza esagerare; la varietà del finger stupirà come una costellazione infinita di assaggi; il lato fisico del finger food, cioè il fatto di prendere il cibo con le mani, creerà un’impressione di comunanza maggiore tra le persone, che oggigiorno stanno disimparando la condivisione e il contatto.

Allegria. Il brunch è un avvenimento giocoso, un momento per condividere la mattinata con amici e parenti in allegria. Per questo cercherete di curare i complementi e l’oggettistica per la tavola. Decorate la tavola con tazze personalizzate e dai colori vivaci, runner o tovagliette giocose, bicchieri di vetro colorati e così via. Il brunch è anche la celebrazione di una mattina tutta per voi, lontano dall’ambiente lavorativo e dagli altri impegni che affollano le vostre giornate, per questo è importante che riusciate a valorizzare il momento del brunch e viverlo con piacere e serenità.

Open air. Nell’immaginario collettivo il brunch è un evento solare, primaverile, estivo… e allora perché non organizzare un brunch all’aperto, all’ombra di un terrazzo fiorito oppure anche in formato pic-nic? Temperature permettendo, sarà ancora più bello servire il brunch all’aria aperta, circondati dal verde, godendo di un magnifico panorama naturale. In tal caso l’accessorio fondamentale sarà sicuramente il cestino da pic nic.