La casa a colori

Come scegliere i colori delle pareti di casa? Grazie alle suggestive combinazioni cromatiche ottenibili con le pitture murali, le pareti si accendono di colore e subito la casa acquista carattere, uscendo prepotentemente dall’anonimato del bianco ed evocano emozioni, inventano nuove atmosfere e mettono in risalto un arredo poco valorizzato.

Ma tra le centinaia di tonalità disponibili, scegliere quella adatta non è sempre facile: noi vi aiutiamo a comprendere il “linguaggio“ dei colori e le loro proprietà; a voi giocare con quelli che, per istinto preferite.

Colori freddi
Le gamme cromatiche del blu, del viola e del verde ”raffreddano” l’atmosfera ma evocano simbolicamente calma e riposo. Il verde richiama il concetto di freschezza, è ance simbolo di vitalità e di equilibrio.

Colori morbidi e neutri
A differenza delle tonalità intense tipiche dei colori vivaci, le tinte morbide risultano tenui e leggermente velate. E tale velatura è il risultato di precise miscelazioni tra colori e toni diversi, mirate ad attenuare o ad ammorbidire l’intensità del colore di origine. Caratterizzate invece da connotazioni cromatiche leggere ed impalpabili, le tinte neutre, come il grigio e il beige, sono dei non- colori che arredano le pareti con raffinata eleganza.

Colori caldi
Le tonalità del giallo, arancio , rosa e marrone si scelgono per riscaldare l’ambiente, poiché lo rendono più raccolto e accogliente. Sono ritenuti colori dinamici e tonici, in grado cioè di stimolare allegria e benessere.

UN COLORE PER OGNI AMBIENTE
– Una volta superato il timore di azzardare con i colori, si scoprirà con piacere che attribuire una tonalità diversa a ogni singolo ambiente contribuisce a definire meglio lo stile della casa, a disegnare percorsi, a reinventare gli spazi e ad attribuire una spiccata personalità alle diverse zone.
– Per le camere da letto, sono appropriati i colori riposanti , primi fra tutti i toni dell’azzurro; nella cameretta dei bambini, il verde ravviva l’atmosfera e stimola il gioco e il buonumore.
– Le pareti della cucina e del bagno devono invitare al benessere e dare una sensazione di igiene e freschezza: ottimi i toni dell’arancio e del verde acqua.
– Nel soggiorno, condiviso da tutti i familiari e ospiti, la gamma delle tonalità calde invita al relax e alla convivialità.

PER VARIARE LA PERCEZIONE DELLO SPAZIO
– L’uso differenziato dei colori alle pareti offre l’impareggiabile vantaggio di creare effetti ottici in grado di riproporzionare visivamente gli spazi.
– Con semplici e studiati accorgimenti cromatici, come quello di pitturare una parete di un colore diverso dalle altre, si può dare l’illusione di restringere o dilatare lo spazio a disposizione. Il risultato ? A colpo d’occhio l’ambiente risulta ridimensionato e più armonico.
– Affinchè una stanza piccola sembri più grande, si deve puntare sull’ uniformità cromatica: pareti e soffitti andranno verniciati tutti dello stesso colore, in una tonalità chiara capace di catturare la luce e di rifletterla per dilatare visivamente lo spazio.
– Il soffitto è troppo basso? Basta tinteggiarlo con un colore freddo o neutro, più chiaro di quello delle pareti. Attenzione però a non esagerare con tinte troppo scure sui muri: un colore molto carico può creare un effetto opprimente.
– Per accorciare visivamente un locale o un corridoio lungo, tinteggiare il muro di fondo di un colore più scuro e caldo rispetto al resto delle pareti e al soffitto. Così l’ambiente risulterà più corto, ma anche molto più accogliente.
– Per abbassare il soffitto troppo alto, lo si dipinge con un colore caldo e scuro, lasciando le pareti più chiare. Per accentuarne l’abbassamento, dipingere con la stessa tinta una fascia alta 15-30 cm intorno alla parte più alta delle pareti.